Iniziativa Laica I laici tendono a difendersi, e' ora di attaccare !

18gen/190

Accadde oggi: nasce Montesquieu

18 gennaio

1689 – Nasce a La Brède, vicino a Bordeaux, Charles-Louis de Secondat, barone de La Brède et de Montesquieu, meglio noto unicamente come Montesquieu.
È considerato il fondatore della teoria politica della separazione dei poteri. Nelle sua opera principale “Lo spirito delle leggi” condanna ogni forma di dispotismo e stende i principi del pensiero liberale.
« Tutto sarebbe perduto se lo stesso uomo, o lo stesso corpo di maggiorenti, o di nobili, o di popolo, esercitasse questi tre poteri: quello di fare le leggi, quello di eseguire le decisioni pubbliche, e quello di giudicare i delitti o le controversie dei privati. »
(In fondo si potranno ascoltare, da un’iniziativa a favore della libertà di stampa, alcuni brani dal “Dialogo agli inferi tra Machiavelli e Montesquieu” di Marice Joly)

17gen/190

Europa. Ora arriva l’inferno delle incertezze

Articolo di Barbara Spinelli (Fatto 17.1.19) “Per evitare le conseguenze negative (specie in Irlanda) bisogna rinviare la scadenza del 29 marzo”

“”Il voto di martedì sera alla Camera del Comuni è stato un colpo particolarmente duro per Theresa May – non ci aspettava un’opposizione così massiccia alla sua linea negoziale sulla Brexit – ma è lungi dall’essere chiarificatore. Ancora non è dato sapere quale sarà l’alternativa che raccoglierà il consenso del Parlamento, quanto tempo il premier resterà in carica, cosa voglia esattamente la maggioranza dei deputati, dopo aver detto quello che non vuole. Il negoziatore dell’Unione, Michel Barnier, non intende negoziare un nuovo trattato di separazione, soprattutto per quanto riguarda la questione nord irlandese e i diritti dei cittadini, e una Brexit nel caos – un no-deal Brexit – si fa più minaccioso e probabile.
È soprattutto per il Nord Irlanda che la prospettiva del no-deal sarebbe nefasta.

Inserito in: Varie Continua a leggere
17gen/190

Pedofilia, i gesuiti Usa rompono l’omerta’

Articolo di Paolo Rodari (Repubblica 17.1.19) “Svolta nella Compagnia”

“”CITTÀ DEL VATICANO A poche settimane dall’inizio del summit convocato da Francesco con diversi leader ecclesiali mondiali sulla pedofilia e la sua prevenzione, sono i gesuiti statunitensi a dare un segnale preciso nella lotta agli abusi che per convinzione dello stesso Francesco risulta essere ancora troppo deficitaria. Tutte le province americane della Compagnia, infatti, hanno da poco pubblicato un elenco con i nomi dei loro confratelli sui quali pendono accuse acclarate di abusi.
Si tratta di una svolta non da poco: da una Chiesa omertosa che tendeva a insabbiare e coprire a un’istituzione che trova la forza della trasparenza su accuse che, seppure non siano ancora arrivate a sentenza, restano comprovate.

17gen/190

Il tempo della Costituzione. I valori fondativi e le letture moderne: ecco perché la Carta cresce con noi

Articolo di Claudio Magris (Corriere 17.1.19) “Dialoghi Il giurista Sergio Bartole, professore emerito dell’Università di Trieste, ragiona sull’attualità della «Legge delle leggi»”

“”Il Diritto — di cui la Costituzione è l’espressione più alta — è un valore freddo: norme, regole, codici, sanzioni che non sembrano destare passioni come i valori caldi — amore, amicizia, poesia, fede, generoso progetto politico. Ma i valori freddi — la legge, la democrazia, i meccanismi della lotta politica — sono i soli che permettono a tutti di coltivare i propri valori caldi, perché senza la Legge l’individuo sarebbe in balia della violenza dei più forti, preda di ogni sopraffazione e inganno, solo con la sua debolezza. Per la Costituzione, Legge delle leggi, ci si può infiammare, si può combattere. In un bellissimo saggio di anni fa, Maria Carolina Foi ha illustrato come nella Germania del primo Ottocento la battaglia fra chi voleva un codice unico — articolato sul modello napoleonico — e chi voleva un diritto consuetudinario, attento alle differenze storiche di tradizioni e usi locali stratificati nel costume, abbia influenzato fortemente la letteratura e la poesia del vivere — ad esempio il percorso di Heine e dei poeti romantici.

17gen/190

Accadde oggi: la prima striscia di Braccio di Ferro

17 gennaio

1929 – Dalla matita di Elzie Crisler Segar viene creato il personaggio di Popeye (Braccio di Ferro in Italia), che fa la sua comparsa nella striscia a fumetti “Thimble Theater“.
Nato come personaggio secondario ed occasionale della striscia, pubblicata sui quotidiani già dal 1919 con discreto interesse, Popeye lancerà il fumetto ad uno straordinario successo, ne diventerà il protagonista e gli conferirà il suo nome.
Popeye diventa anche il protagonista dei gioiellini a cartoni animati a lui dedicati negli anni 30-40 e realizzati dagli Studi Fleischer.
(In fondo potrai vedere il primo di questi cartoni animati)

17gen/190

Effetto Matera l’eterno ritorno della citta’ magica

Articolo di Marino Niola (Repubblica 17.1.19)

Da Pascoli a Carlo Levi. Da Visconti al “Cristo” secondo Pasolini Così la terra dei Sassi, che sabato diventa ufficialmente capitale europea della cultura 2019, ha nutrito il nostro immaginario e le nostre utopie sociali. Un imbuto di case e grotte simile all’inferno di Dante. Così appare Matera allo sguardo spaesato e spaesante di Carlo Levi. Che di fatto consegna la città dei Sassi all’emblematica politica italiana. Topografia di una società abitata da poveri diavoli. Ma al tempo stesso riepilogo simbolico del mondo contadino, visto in tutta la sua lontananza dalle idee di sviluppo che dopo la guerra vanno per la maggiore nel Paese. È in questo clima che la nuova capitale europea della cultura 2019 – inaugurazione ufficiale sabato prossimo con l’arrivo di Mattarella e Conte diventa, nel male ma anche nel bene, un luogo topico dell’immaginario nazionale. La perfetta sintesi metaforica di un Mezzogiorno geografico e antropologico, economico e poetico, antico e primitivo, visionario e selvaggio. Così per esempio lo definisce Pier Paolo Pasolini, che fa dello scenario lunare dei Sassi la location ideale del suo Calvario all’italiana. Non a caso disdegna la Palestina reale, a suo avviso devastata dalla nuova edilizia, e ambienta Il Vangelo secondo Matteo in quella Terrasanta ancora immune dalla modernizzazione.

17gen/190

Il cuore spento del Pd

Articolo di Piero Ignazi (Repubblica 17.1.19)

“”Il bizantino processo di elezione del segretario del Pd ha iniziato il suo percorso con la votazione nei circoli (nuova denominazione di quelle che erano le sezioni; e non si è mai capito la ragione di questo rinnovamento lessicale visto che nella sostanza non cambiava alcunché). La competizione non sta appassionando l’opinione pubblica. Del resto, i due maggiori contendenti, il segretario uscente Maurizio Martina, e il presidente della regione Lazio Nicola Zingaretti, non presentano proposte molte diverse né sono figure con tratti personali divergenti. Il terzo, Roberto Giachetti, fedele alla linea renziana, sembra destinato ad un ulteriore ruolo da cireneo, dopo quello già rivestito nella sfida per il Campidoglio tre anni fa. Lo scarso coinvolgimento registrato fin qui non dipende però soltanto dalle caratteristiche dei leader in lizza. C’è qualcosa di più profondo che impedisce il sollevarsi di entusiasmi collettivi: l’assenza di messaggi emotivi e mobilitanti.

Inserito in: Varie Continua a leggere
16gen/190

Brutte persone: cio’ che diventiamo se non ci stiamo un po’ attenti

Da nuoeutile.it (dic. 2018)

“”Il neuroscienziato Christian Jarrett pubblica su Aeon un articolo brillante, la cui tesi di fondo è che la natura umana non è granché e che, per dirla tutta, tendenzialmente siamo (ehi, noi tutti!) proprio delle brutte persone.
UN PICCOLO SFORZO. Ho scritto tendenzialmente, e vorrei sottolinearlo. Vuol dire che non siamo brutte persone necessariamente, o ineluttabilmente. Vuol dire invece che per dare il meglio, o almeno il meno peggio, dobbiamo fare un piccolo sforzo.
BRUTTE PERSONE PER ISTINTO. Del resto, non c’è gusto né merito a comportarsi bene se si ignora quanto è facile e istintivo comportarsi male. E non c’è ammirazione verso chi si comporta da brava persona se non si è consapevoli di quanto siano forti le tendenze a essere egoisti, fatui, superficiali o insensibili.
BRUTTE PERSONE IN 10 PUNTI. La tesi di Jarrett si articola in dieci punti, ciascuno dei quali è sostenuto e confermato da consistenti evidenze di ricerca. Eccovi una sintesi. I link rimandano alle più rilevanti fra le fonti citate da Jarrett.

16gen/190

Accadde oggi: nasce Giuditta Bellerio Sidoli

16 gennaio

1804 – Nasce a Milano Giuditta Bellerio Sidoli, mazziniana e patriota italiana.
Donna particolarmente autonoma, data la sua epoca, per idee e stile di vita, fu tra i fondatori del giornale “La Giovine Italia“. Legata sentimentalmente e idealmente a Mazzini fu tra le protagoniste di spicco dei moti contro l’Austria, per l’indipendenza e l’unità d’Italia.

“Credere liberamente nel Dio degli esuli e dei vinti, non in quello imposto dalla Chiesa”. (Giuditta Bellerio)
(Se continui a leggere, potrai vedere il filmato “Il Senato delle donne:Giuditta Sidoli“. All’interno del testo dipinti esposti nella mostra “I pittori del Risorgimento” che si è tenuta nel 2011 a Roma alla Scuderie del Quirinale)

15gen/190

Alcuni aforismi su pensiero libero e critico, laico, scientifico

Riportiamo alcuni aforismi molti dei quali già pubblicati sul nostro sito

    • Avere diritti, o il diritto di ogni individuo ad appartenere all’umanità, dovrebbe essere garantito dall’umanità stessa  Hannah Arendt
    • Le virtù del  laico sono: il rigore critico, il dubbio metodico, la moderazione, il non prevaricare, la tolleranza, il rispetto delle idee altrui, virtù mondane, civili. Norberto Bobbio,
    • “Laicità:  atteggiamento intellettuale caratterizzato dalla libertà di coscienza, intesa quale libertà ddi conoscenza, di credenza, di critica e autocritica Giovanni Boniolo
    • L’ultima rivoluzione politica, la rivoluzione contro il clero  politico e contro l’usurpazione potenzialmente iscritta nella delega, resta ancora tutta da fare  Pierre Bourdieu
    • Se voi volete andare in pellegrinaggio nel luogo dove è nata la nostra Costituzione andate nelle montagne dove caddero i partigiani, nelle carceri dove furono imprigionati, nei campi dove furono impiccati. Dovunque è morto un italiano per riscattare la libertà e la dignità, andate lì, o giovani, col pensiero, perché lì è nata la nostra Costituzione Piero Calamandrei
    • Laicità non è ‘una filosofia tra le filosofie’, né ‘una ideologia opposta ad altre ideologie’ bensì è ‘la regola fondamentale di convivenza di tutte le possibili filosofie e ideologie’: una convivenza che può realizzarsi proprio in quanto il laico ‘non pretende mai di possedere la Verità più di quanto anche gli altri possano pretendere di possederla Guido Calogero
Inserito in: Varie Continua a leggere