Iniziativa Laica I laici tendono a difendersi, e' ora di attaccare !

20set/170

Accadde oggi: la breccia di Porta Pia

20 settembre

1870 – A Roma, intorno alle nove della mattina, l’artiglieria dell’esercito italiano, guidato dal generale Cadorna, aprì una breccia di circa trenta metri nelle mura della città, accanto a Porta Pia. Due battaglioni (uno di fanteria, l’altro di bersaglieri) occuparono la città.
Dal punto di vista militare l’operazione non fu di particolare rilievo. La resistenza opposta dall’esercito pontificio, complessivamente 15.000 uomini al comando dal generale Kanzler, fu debole, anche per volontà papale. Il fatto ebbe invece un particolare valore storico e simbolico: la riunificazione di Roma con l’Italia e la fine del potere temporale del papato.
(In fondo potrai vedere il primo film italiano di sempre “La presa di Roma” di Filoteo Alberini del 1905)

19set/170

Emanuela Orlandi: trent’anni di misteri dietro quella lettera sepolta in cassaforte

Articolo di Emiliano Fittipaldi (Corriere 19.9.17)

Il documento sull’«allontanamento domiciliare» di Emanuela Orlandi, verosimile, apocrifo o fasullo che sia, esiste. Ha una sua storia. E un percorso che, dal buio di un armadio blindato in Vaticano, lo ha portato alla luce del sole. Cinque pagine con presunte spese e uscite sono così diventate – a più di 34 anni di distanza dal 22 giugno 1983, giorno della scomparsa della ragazzina che amava Gino Paoli – un nuovo capitolo di uno dei misteri più oscuri della recente storia italiana. Perché, come racconto nel libro Gli impostori, in uscita per la Feltrinelli venerdì prossimo, delle due l’una: o il documento è vero, e apre ipotesi clamorose sul sequestro e il destino dell’adolescente. O è contraffatto, e segnala il riaccendersi di vecchie e nuove rese dei conti dentro le sacre mura. È un fatto che il documento misterioso, definito subito «falso e ridicolo» dal capo della sala stampa di papa Francesco, Greg Burke, esca da dentro il Vaticano. Precisamente, dall’archivio riservato della prefettura degli Affari economici, un ente che fino a due anni fa fungeva da struttura di controllo contabile e di gestione economica delle amministrazioni vaticane. Una Corte dei conti della Santa Sede, in pratica. L’archivio fin dal 2011 e fino ai suoi arresti nel 2015 è stato gestito dal monsignor Lucio Vallejo Balda, segretario dell’organismo e poi – dal 2013 – anche della pontificia commissione Cosea, che è stata ospitata proprio negli uffici della Prefettura.

19set/170

Appello: l’Italia ratifichi il «Trattato di Interdizione delle Armi Nucleari»

Da manifesto 19.9.17

Al Presidente della Repubblica, ai Presidenti di Camera e Senato, al Capo del Governo

“”All’Onu il 7 luglio scorso è stato adottato uno storico Trattato che proibisce gli ordigni «atomici» promosso dalle nazioni che non possiedono il nucleare, assenti le 9 nazioni che possiedono la bomba «atomica» e tutti i Paesi Nato (eccetto l’Olanda).
Un movimento mondiale disarmista, che ha sospinto il voto coraggioso di 122 stati «battistrada» – per lo più del «movimento dei non allineati»-, ha reso concreta la speranza che l’Umanità riesca finalmente a liberarsi dalla più terribile minaccia per la sua sopravvivenza, tenendo conto che una guerra nucleare può essere scatenata addirittura per caso, per incidente o per errore di calcolo. Anche il Parlamento Europeo ha approvato, il 27 ottobre 2016, una risoluzione su questi temi (415 voti a favore, 124 contro, 74 astenuti), invitando tutti gli Stati membri dell’Unione Europea a «partecipare in modo costruttivo» ai negoziati Onu, quelli che successivamente hanno varato il Trattato del 7 luglio.
Ci ha sorpreso e indignato l’assenza del governo italiano alle sedute dei negoziati in sede Onu. Siamo coscienti, con tutte le alte autorità scientifiche, civili, morali e religiose, che in tal senso si sono espresse, che la deterrenza nucleare e la minaccia della distruzione reciproca sono contrarie al bene dell’umanità e all’etica di ogni civile convivenza.

Inserito in: Varie Continua a leggere
19set/170

Accadde oggi: muore Italo Calvino

19 settembre

1985 – Muore all’ospedale di Siena Italo Calvino, intellettuale di grande impegno civile e culturale. Con la sua decisa razionalità e la sua raffinata ironia, senza mai rinunciare ad una spiccata formazione laica, fu uomo che seppe cogliere le novità, non solamente culturali del suo tempo.
« Forse è arrivato il momento di ammettere che il tarocco numero uno è il solo che rappresenta onestamente quello che sono riuscito ad essere: un giocoliere o illusionista che dispone sul suo banco da fiera un certo numero di figure e spostandole, connettendole e scambiandole ottiene un certo numero di effetti. »
(In fondo potrai vedere due filmati su “Le città invisibili” e “Il cavaliere inesistente)

18set/170

Il tempio glocal della fecondazione assistita dall’alto

Articolo di Marino Niola (Repubblica 18.9.27) “Santa Maria Francesca delle Cinque Piaghe, a Napoli, è la chiesa dove migliaia di donne accorrono da tutto il mondo sperando nel miracolo della fertilità. Un viaggio tra oggetti appartenuti alla beata, rituali di “ostetricia miracolosa”, crocieristi e sfogliatelle”

“”«Ci siamo recate con una mia amica, e l’emozione è stata tanta! super organizzati, chiesetta piccolina ma particolarmente bella. Da non perdere». Lo scrive Fede X su TripAdvisor. La chiesa in questione non è quella di Nostra Signora della Recensione. Ma quella di Santa Maria Francesca
delle Cinque Piaghe, a Napoli, dove migliaia di donne accorrono da tutto il mondo per sottoporsi all’ultimo rito di fertilità dell’Occidente. Siamo nel cuore dei Quartieri Spagnoli, a pochi passi dall’affollatissima via Toledo dove impazza lo street food. D’altra parte si sa che a Napoli si viene anche per nutrirsi di stereotipi. Che siano pizza e babà, o che siano miracoli. Per questi ultimi basta chiamarsi fuori dalla pazza folla, risalire vico Tre Re a Toledo. E mescolarsi alla lunga fila di coppie che salgono la scaletta ripida che conduce al sancta sanctorum della procreazione. La chiamano la casa della santarella. Qui Maria Francesca ha speso la sua vita tra preghiera e ricamo, ricamo e preghiera. Ora et labora H24 per una vera figlia del popolo. Che non poteva entrare in convento perché il suo lavoro di tessitrice a domicilio era troppo importante per la sopravvivenza della famiglia. Così aveva optato per l’abito terziario francescano e una clausura tra le mura domestiche. Da queste parti, quelle come lei, le chiamano monache di casa, altrove beghine. Aveva il dono della profezia tanto da predire la Rivoluzione francese con molti anni di anticipo. Tra i tanti prodigi che le vengono attribuiti c’è anche quello di aver convinto una statua di Gesù bambino ad animarsi per farsi vestire con gli abitini che lei stessa gli aveva cucito. E quando morì, il 6 ottobre 1791, aveva al suo attivo un portfolio miracolistico di tutto rispetto. Con una vera e propria specializzazione in ostetricia soprannaturale. Cosa che, in un’epoca in cui la mortalità infantile era elevatissima e il parto un mistero doloroso, oltre che pericoloso, spiega la sua popolarità. Che paradossalmente è in crescita. Perché è vero che oggi la gravidanza è un percorso supermonitorato e ipermedicalizzato, ma è anche vero che l’infertilità ha raggiunto cifre da capogiro. Solo in Italia affligge il trenta per cento delle coppie.

18set/170

Accadde oggi: il massacro di Sabra e Shatila

18 settembre

1982 – In Libano a Sabra e Shatila (in arabo: صبرا وشاتيل), nei due campi di rifugiati palestinesi alla periferia di Beirut in un’area direttamente controllata dall’esercito israeliano, dal 16 al 18 si compie il massacro, ad opera di milizie cristiane libanesi, di arabi palestinesi in un numero stimato in diverse centinaia di persone. Gli stessi campi-profughi sono anche ricordati per successivi fatti di sangue avvenuti nel 1985–1987 e noti come Guerra dei Campi. (In fondo potrai vedere alcune sequenze del film di animazione sul massacroValzer con Bashir accompagnate da una intervista al regista Ari Folman)

17set/170

Voltaire, storia universale della menzogna

Articolo di Armando Massarenti (Sole 17.9.17) “sul libro di Voltaire, Saggio sui costumi e lo spirito delle nazioni , a cura di Domenico Felice. Einaudi, I Millenni, Torino, € 150 ). Ampio stralcio delle conclusioni del «Saggio sui costumi e lo spirito delle nazioni» di Voltaire intitolate «Riassunto di tutta questa storia fino al tempo in cui comincia il bel secolo di Luigi XIV»” «Presso tutte le nazioni, la storia è sfigurata dalla favola: la filosofia trova gli uomini così accecati che fatica con la ragione a disingannarli»”

“”Ho percorso questo vasto teatro delle rivoluzioni a partire da Carlo Magno, e persino risalendo spesso molto piú indietro, fino al tempo di Luigi XIV. Quale sarà il frutto di questo lavoro? Quale profitto si trarrà dalla storia? Vi si sono visti i fatti e i costumi; vediamo quale vantaggio ci verrà dalla conoscenza degli uni e degli altri.
Sui fatti storici. Un lettore di buon senso si accorgerà facilmente di dover credere solo ai grandi avvenimenti che hanno qualche verosimiglianza, e considerare con disprezzo tutte le favole di cui il fanatismo, lo spirito romanzesco e la credulità hanno riempito in ogni tempo la scena del mondo. Costantino trionfa sull’imperatore Massenzio; ma certamente non gli apparve un labarum tra le nubi, in Piccardia, con un’iscrizione in greco. Macchiato di assassinî, Clodoveo si fa cristiano e commette nuovi assassinî; ma né una colomba gli reca un’ampolla per il suo battesimo né un angelo scende dal Cielo per consegnargli uno stendardo. Un monaco di Chiaravalle può predicare una crociata, ma bisogna essere stolti per scrivere che Dio fece miracoli per mano di questo monaco al fine di assicurare il successo di quella crociata, che fu tanto sfortunata quanto follemente intrapresa e mal condotta. Il re Luigi VIII può morire di tisi, ma solo un fanatico ignorante può dire che gli amplessi di una ragazza l’avrebbero guarito e che egli morí martire della sua castità.

17set/170

Accadde oggi: stesa la Costituzione degli Stati Uniti

17 settembre

1787 – A Filadelfia viene adottata la Costituzione degli Stati Uniti dalla Convenzione costituzionale. Sarà poi successivamente ratificata da speciali “convenzioni” convocate da ciascuno dei tredici stati originari. E’ la legge suprema degli Stati Uniti d’America ed è la più antica costituzione nazionale scritta, tuttora vigente.
(In fondo potrai vedere un cartone animato sul Preambolo alla Costituzione)

17set/170

Realta’ delle cose e realta’ umana

Lectio Magistralis di John R. Searle a Pordenonelegge (Sole 17.9.17,Traduzione di Laura Pagliara). L’ultimo libro di Searle è «Vedere le cose come sono», Cortina “Il mondo fisico e quello mentale non sono opposti ma distribuiti su diversi livelli e sistemi”

“”Da un punto di vista intellettuale il fatto sostanziale, riguardo l’era attuale, è che le conoscenze aumentano. Noi sappiamo molte più cose rispetto a ciò che sapevano i nostri bisnonni, e i nostri pronipoti sapranno cose che per noi oggi sono inconcepibili. Il grande aumento delle conoscenze ha prodotto un cambiamento enorme nello studio della filosofia. Nei secoli immediatamente successivi a Cartesio, i problemi centrali della filosofia erano epistemici, ossia avevano a che fare con la conoscenza e, in particolare, sembravano avere la pressante necessità di rispondere al problema dello scetticismo.Infatti, nel XVII secolo le superstizioni erano ampiamente diffuse anche tra le persone istruite, ogni genere di superstizione – molte persone colte, per esempio, credevano nell’esistenza degli unicorni. Ma, nel bene e nel male, oggi abbiamo un vasto insieme di conoscenze ben consolidate e, senza ragionevole dubbio, una molteplicità di scetticismi. È molto difficile mandare gli uomini sulla luna e, per esempio, chiedersi, «Sappiamo se il mondo esterno esiste? Sappiamo se esistono davvero oggetti ed eventi oltre i nostri stati di coscienza?» Questo nostro cambiamento di posizione epistemica nei confronti del mondo però ha prodotto una seria difficoltà intellettuale: il concetto di realtà che gran parte di noi accetta deriva dalle cosiddette «scienze naturali», in particolare dalla chimica, dalla fisica e dalla biologia evolutiva. Tuttavia, il concetto di realtà che è derivato dalla cosiddetta «visione del mondo scientifica»sembra in disaccordo con una grandissima quantità di altre cose in cui crediamo. Secondo la concezione scientifica di realtà il mondo consiste interamente di entità che per convenienza chiamiamo particelle – particelle fisiche in campi di forza – e questo è quanto, non esiste nient’altro nell’universo.

17set/170

Tragedie

L’amaca di Michele Serra (Repubblica 17.9.17)

“”La tragedia della ragazza Noemi sta diventando un reality show proprio in senso tecnico, con i parenti della vittima e quelli del carnefice in onda per molte ore su molte reti, non più esseri umani nel dramma ma una compagnia di giro. Bisognerebbe retribuirli, possibile che nessuno si sia ancora inventato la professione di procuratore delle famiglie colpite da delitti o catastrofi naturali, esigendo che lo sfruttamento pubblico del loro lutto sia contrattualizzato? Se zio Michele, ai tempi, avesse avuto un Raiola al suo fianco, avrebbe guadagnato come un giocatore di serie A.
Al netto della morbosità e del precipizio qualitativo del giornalismo addetto (ne ha scritto ampiamente Francesco Merlo su questo giornale), spiace dover aggiungere che l’effetto più devastante, e anche il più inevitabile, è la quasi immediata dismissione del lutto, della compassione, del sentimento di condanna per un crimine così bestiale. Diventano tutti, nel giro di poche ore, degli zio Michele, personaggi di un serial noir e non più persone, pupazzetti di un gioco che non solamente è cinico, è pure noioso, inflazionata ripetizione di figuri che tartagliano scuse o sbraitano accuse, fino a che uno spegne la televisione perché quel delitto lo ha stufato e aspetta il prossimo.”"

Inserito in: Varie Nessun commento