Iniziativa Laica I laici tendono a difendersi, e' ora di attaccare !

2set/12Off

“In ritardo di duecento anni”

Da L'Amaca di Michele Serra (Repubblica 1.9.12):

Leggi L'Amaca, l'ultima intervista di Carlo Maria Martini "Chiesa  indietro di 200 anni. Perchè non si scuote, perchè abbiamo paura?" e l'articolo, a cura di Orazio La Rocca "Dal dialogo con  l'Islam al sì al preservativo, la sua rivoluzione dolce":

""Sono tutt'altro che un vaticanista, ma mi ha molto sorpreso, nel vasto cordoglio suscitato dalla morte di Carlo Maria Martini, leggere così poco (quasi nulla) a propostito  del suo essere, nel mondo cattolico, uno sconfitto. Un grande sconfitto, ma uno sconfitto, dentro una Chiesa che ha via via dismesso lungo gli anni,  lo spirito del concilio Vaticano II con il suo ecumenismo, il forte afflato sociale di quell'irripetibile momento storico, l'allentamento della spinta dogmatica, chiudendo uno dopo l'altra le porte e le finestre che il pontificato di Papa Roncalli aveva aperto in così poco tempo. Nella sua ultima intervista al Corriere, lo stesso Martini, parlando di una Chiesa "in ritardo di duecento anni" (!!), sottolineava, neanche tanto indirettamente, la notevole distanza che lo separava da Roma.
Nè il riferimento desolatamente critico ai "riti e agli abiti pomposi", insomma alla restaurazione della Forma, pareva casuale nelle sue parole, regnante Ratzinger.
Capisco che quando muore una personaloità di così grande spessore umano e intellettuale prevalga l'urgenza di rendergli omaggio. Ma la personalità in quesstione era - mi scuso per il piatto politicismo - il capo dell'opposizione, e di un'opposizione sbaragliata dalla restaurazione. Non è un dettaglio.""

Leggi i due articoli:

immagineFrame.asp?comeFrom=rassegna¤tArticle=1JOVP2

immagineFrame.asp?comeFrom=rassegna¤tArticle=1JOYH8

Commenti (0) Trackback (0)

Spiacenti, il modulo dei commenti è chiuso per ora.

I trackback sono disattivati.