Iniziativa Laica I laici tendono a difendersi, e' ora di attaccare !

26apr/13Off

Situazione politica

Articolo di Chiara Saraceno “L’antiberlusconismno non è più sufficiente” (Repubblica 26.4.13)

“”    …     Non sono neppure riusciti a spiegare perché “non potevano” votare Rodotà, nonostante la sua lunga storia di sinistra e il suo cursus honorum istituzionale. Il fatto è che Rodotà era ed è “divisivo” non solo, come Prodi, rispetto alle larghe intese con il Pdl. È divisivo anche entro il Pd. Perché profondamente laico e perché la sua laicità, come tutta la sua difesa dei diritti, non è solo frutto di un orientamento culturale, ma è radicata nella sua rigorosa interpretazione della Costituzione. Perché, in nome della Costituzione, difende i beni comuni anche in contrasto con le scelte di diverse amministrazioni locali di sinistra. Perché difende le ragioni di chi a Bologna vuole rivedere l’accordo, a suo tempo sostenuto dal governo di Prodi, per cui si finanziano le scuole paritarie (di fatto confessionali) anche a scapito, oltre che della norma costituzionale, delle risorse disponibili per la scuola pubblica. Il Pd non poteva votarlo, non tanto perché lo aveva candidato prima Grillo, ma perché Rodotà ha una visione della sinistra in radicale antitesi con pezzi importanti del Pd e del suo elettorato, cui si contrappongono altri pezzi altrettanto importanti.
Non essere stati capaci di scegliere in questi anni per quale idea di politica di sinistra si doveva lavorare, pur con tutte le mediazioni necessarie, e tanto meno di spiegarla al paese, ha portato il Pd alla resa finale e a rivolgersi di nuovo a Napolitano.    …”"

Leggi l’aticolo:

http://www.zeroviolenzadonne.it/rassegna/pdfs/26Apr2013/26Apr20136a385cd5dfa89c89f9ba6298a49a2a58.pdf

Commenti (0) Trackback (0)

Spiacenti, il modulo dei commenti è chiuso per ora.

I trackback sono disattivati.