Iniziativa Laica I laici tendono a difendersi, e' ora di attaccare !

13gen/15Off

Senza ricetta la pillola dei 5 giorni dopo. Contraccettivi, sì dell’Ue. L’Italia frena

Articolo di Margherita De Bac (Corriere 13.1.15)

“”Liberalizzata dalla Commissione europea la pillola dei «5 giorni dopo». Potrà essere venduta senza ricetta medica. Per la prima volta un contraccettivo ottiene il diritto, allargato a tutta la comunità, di saltare il filtro della prescrizione. E diventa un medicinale assimilabile a sciroppi e lassativi. Vale anche per le minorenni. Parliamo di un anticoncezionale d’emergenza. Dopo un rapporto sessuale a rischio, in 8 casi su 10 previene la gravidanza ritardando o impedendo l’ovulazione, quindi la fase di maggior fecondità. Su questo punto da anni c’è una polemica insoluta, i cattolici fermi nel sostenere che è un vero e proprio abortivo. «Lo Stato è complice se facilita questi percorsi», tuona il cardinale Elio Sgreccia, Pontificia accademia. Ecco le motivazioni dei tecnici: «È più efficace se preso entro 24 ore dal rapporto. Rimuovere il bisogno della prescrizione dovrebbe velocizzare l’accesso al medicinale e aumentarne l’efficacia».
Approvata dall’agenzia dell’Ue nel 2009, la pillola a base di Ulipristal perde così l’ultimo vincolo. In Italia è arrivata nel 2012, unico Paese ad imporre che la donna dimostri con un test negativo di non essere incinta. La ditta produttrice Hra Pharma richiederà all’Agenzia nazionale del farmaco italiana (Aifa), l’inclusione dell’anticoncezionale nella categoria dei Sop (senza obbligo di prescrizione) e l’abolizione del test. Nel 2014, circa 20 mila confezioni vendute. Perché 5 giorni? È il tempo di sopravvivenza dello spermatozoo.
Bruno Mozzanega, presidente della Società italiana di procreazione responsabile (www.sipre.eu) è furente: «Una truffa. Se il rapporto sessuale non protetto avviene il giorno precedente l’ovulazione, il più fertile del ciclo, si interviene dopo il concepimento, quindi è aborto». Dissente Carlo Bastianelli, ricercatore ginecologo dell’università «La Sapienza» di Roma: «È innocua, giusto dispensarla prima possibile senza ostacoli. Come per la pillola del giorno dopo, il libero acquisto non aumenterà le vendite.”"

Commenti (0) Trackback (0)

Spiacenti, il modulo dei commenti è chiuso per ora.

I trackback sono disattivati.