Iniziativa Laica I laici tendono a difendersi, e' ora di attaccare !

3giu/19Off

Accadde oggi: muore Roberto Rossellini

3 giugno

1977 - Muore a Roma, all'età di 71 anni, Roberto Rossellini, uno dei massimi registi del cinema italiano. Assieme a De Sica e Visconti contribuì a rendere famoso a livello mondiale il Neorealismo nel cinema.
Il cinema neorealista, sviluppatosi nell'immediato dopoguerra, è caratterizzato da trame ambientate in massima parte fra le classi disagiate e lavoratrici, con lunghe riprese all'aperto, e utilizza spesso attori non professionisti per le parti secondarie e a volte anche per quelle primarie. I film trattano soprattutto la situazione economica e morale del dopoguerra italiano, e riflettono i cambiamenti nei sentimenti e le condizioni di vita: frustrazione, povertà, disperazione. (In fondo potrai vedere una sequenza dell'episodio napoletano di "Paisà)
Resero famoso Rossellini e il Neorealismo a livello internazionale i tre film della Trilogia della guerra: "Roma città aperta" del 1945, girato subito dopo la liberazione di Roma, "Paisà" del 1946 (film a episodi sulla resistenza) e "Germania anno zero" del 1946 (girato nel settore francese di Berlino).
Nel 1948 inizia il sodalizio con Ingrid Bergman, a cui si lega in una popolare storia d'amore e con la quale girerà i 3 importanti film della Trilogia della solitudine: "Stromboli terra di Dio" del 1949 (girato interamente sull'isola con un'eruzione in corso), "Europa '51" del 1950 e "Viaggio in Italia" del 1953.
La relazione con la Bergman causò grande scandalo nell'ambiente del cinema (Rossellini e la Bergman erano entrambi sposati con altre persone); in particolare Hollywood non perdonava al regista italiano di aver sottratto all'industria cinematografica americana la sua più grande diva. Lo scandalo si intensificò alla nascita del loro primo figlio, Robertino, e in seguito delle due gemelle (Isabella e Isotta).
Dall'inizio degli anni '60, Rossellini si impegnò a portare avanti progetti didattici con l'uso dei mezzi audiovisivi realizzando soprattutto filmati televisivi che ottennero pure riconoscimenti significativi come ad esempio "L'età del ferro" e "La presa del potere di Luigi XIV".

 

Commenti (0) Trackback (0)

Spiacenti, il modulo dei commenti è chiuso per ora.

I trackback sono disattivati.