Iniziativa Laica I laici tendono a difendersi, e' ora di attaccare !

9giu/180

Accadde oggi: assassinati i fratelli Rosselli

9 giugno

1937 - Carlo e Nello Rosselli furono due importanti figure della Resistenza italiana al fascismo, prima in Italia e poi all’estero, che per la loro attività subirono numerosi arresti, condanne al confino e aggressioni.
Nati rispettivamente nel 1899 e 1900 da famiglia della borghesia benestante e illuminista, Carlo si orientò verso idee socialiste, mentre Nello simpatizzo per quelle liberali.
(In fondo potrai vedere, sui fratelli Rosselli, un breve filmato tratto da una serie dedicata agli eroi dell’Antifascismo)

Carlo fondò e diresse il periodico di ispirazione socialista Quarto Stato, scrisse Socialismo liberale il suo unico libro pubblicato mentre era in vita e successivamente, rifugiato in Francia dopo una fuga dal confino, fu fondatore e dirigente del movimento Giustizia e Libertà, prima di accorrere in Spagna per combattere nelle Brigate internazionali rimanendo ferito.
Nello, con Carlo e Piero Calamandrei, Enrico Finzi, Ernesto Rossi e con il patrocinio di Gaetano Salvemini che fu un costante punto di riferimento per entrambi i fratelli, fondò il Circolo di Cultura, chiuso dai fascisti nel 1925. Fu tra i fondatori de L’Italia libera e partecipò alla fondazione dell’Unione nazionale delle forze liberali e democratiche promossa da Giovanni Amendola e, assieme a Carlo, del primo giornale antifascista clandestino Non Mollare, oltre a pubblicare numerosi articoli su riviste storiche italiane.
I due fratelli si ricongiunsero in Francia a Bagnole de l’Orne dove Carlo, rientrato dalla Spagna era andato per curarsi. Nei pressi della cittadina francese, i due fratelli cadono nell’agguato teso loro da alcuni sicari del gruppo filofascista La Cagoule e sono massacrati a colpi d’arma da fuoco e coltellate. Mandati del duplice omicidio (come è scritto nella scheda dedicata ai fratelli Rosselli dall’ANPI), Mussolini, suo genero Galeazzo Ciano e alcuni ufficiali del Servizio informazioni militari, come ha provato l’istruttoria giudiziaria condotta a Roma nel 1944-45.
I fratelli Rosselli furono sepolti nel cimitero monumentale parigino Père Lachaise, ma poi i familiari ne traslarono le salme a Firenze.

 

Commenti (0) Trackback (0)

Ancora nessun commento.


Leave a comment

Ancora nessun trackback.