Iniziativa Laica I laici tendono a difendersi, e' ora di attaccare !

21giu/19Off

Accadde oggi: Dawkins e il movimento The Brights

21 giugno

2003 – Il biologo Richard Dawkins pubblica sul quotidiano inglese “The Guardian” un articolo intitolato “The future looks bright” con cui promuove l’idea di usare il termine “bright” (brillante, intelligente, illuminato) come attributo/sostantivo di riferimento per chi non crede nel sovranaturale e nel mistico.
Bright viene proposto in senso positivo in contrapposizione ai termini negativi con cui sono comunemente indicate queste persone: non credenti, atei, agnostici o senza Dio.
(In fondo potrai vedere un’intervista a Richard Dawkins sulle religioni)
L’articolo di Dawkins voleva sostenere un movimento, chiamato appunto “The Brights“, fondato quello stesso anno a Sacramento in California con l’obiettivo di unire quelle persone che vogliono restituire alle loro idee un peso e una riconoscibilità politica che troppo spesso soccombe dinanzi alle più influenti organizzazioni religiose, seguendo un’etica ed azioni basate su una visione naturalistica del mondo.
Un analogo sostegno è venuto anche un mese dopo dal filosofo Daniel C. Dennett con un articolo sul “New York Times” dal titolo “The Bright Stuff“.
I fondatori del movimento bright sostengono che la parola debba essere usata in questo caso come sostantivo: in inglese “I am bright” (sono brillante) dà un’impressione arrogante, che viene mitigata dall’uso sostantivato “I am a bright” (sono un bright).
La parola richiama direttamente la luce della ragione accesa dall’Illuminismo, e si contrappone a “oscuro”, che caratterizza invece gli oscurantisti che guardano al mondo in maniera soprannaturale e mistica. Il movimento fa propria la visione ottimistica e positivista del mondo, in cui la scienza e la ragione prevalgono e offrono una via per il futuro. La scelta di questa parola ha un intento promozionale: Richard Dawkins e Daniel Dennett hanno sostenuto con diversi contributi e pubblicazioni il tentativo di promuovere la consapevolezza del pensiero razionale eleggendo una parola con associazioni allegre, sul fortunato esempio di gay (in inglese originariamente aggettivo significante gaio, allegro).

Testo dell’articolo originale di Dawkins


Sito del movimento “The Brights”
 

 

Commenti (0) Trackback (0)

Spiacenti, il modulo dei commenti è chiuso per ora.

I trackback sono disattivati.