Iniziativa Laica I laici tendono a difendersi, e' ora di attaccare !

11ago/170

Lettera di ActionAid, Amnesty, Emergency, Msf e Oxfam: “Irresponsabile campagna di ostilita’” contro le Ong

Articolo di Darrin Zammit Lupi HuffPost online 11.8.17)

“”Una lettera per difendere il loro operato a difesa dei diritti umani. Marco De Ponte (ActionAid), Gianni Rufini (Amnesty International), Alessandro Bertani (Emergency), Gabriele Eminente (Medici Senza Frontiere) e Roberto Barbieri (Oxfam Italia) firmano il testo inviato al Corriere della Sera in cui denunciano una “irresponsabile campagna di ostilità, opportunisticamente alimentata da tanti esponenti politici e opinionisti” nei confronti delle Ong.
“”"Le Ong sono presenti nel nostro Paese da decenni, hanno vinto premi Nobel e godono del supporto attivo di milioni di persone in Italia e nel mondo. Difendono i diritti dei cittadini, proteggono le persone vulnerabili, assistono le vittime di guerre e disastri, lottano contro la povertà e l’esclusione sociale. Sono un patrimonio della nostra società di cui essere fieri”
Quanto accade in Italia in queste settimane però non dimostra questa fierezza.
“Se oggi la società civile che aiuta e protegge viene criminalizzata e intimidita si finisce con il produrre un danno grave per tutti. Un’irresponsabile campagna di ostilità, opportunisticamente alimentata da tanti esponenti politici e opinionisti, dovrebbe trovare nelle Istituzioni una ferma opposizione, non un inaccettabile avallo”.

“Le organizzazioni umanitarie operano in base a rigorose norme concordate sul piano globale che sono state avallate dagli Stati sottoscrivendo convenzioni internazionali vincolanti in materia di diritti umani e diritto umanitario, riconosciute in sede Onu, riprese dall’Ue e nelle leggi nazionali. Questi reciproci impegni sono la garanzia di un aiuto umanitario efficace e imparziale” [...] “Oggi lo Stato Italiano chiede a queste organizzazioni di disattendere alle norme che esso stesso ha sottoscritto in sede internazionale. Con l’unico effetto di comprometterne la credibilità, pregiudicare la loro possibilità di fornire aiuti in contesti difficili, e renderne difficile o impossibile l’azione dove è più necessaria per il bene di tutti. Crediamo sia doveroso chiedere allo Stato di rispettare le regole internazionali che ha sottoscritto nell’interesse di tutti”.”"

Commenti (0) Trackback (0)

Ancora nessun commento.


Leave a comment

Ancora nessun trackback.