Iniziativa Laica I laici tendono a difendersi, e' ora di attaccare !

12lug/19Off

Accadde oggi: nasce Pablo Neruda

12 luglio

1904 – Nasce a Parral in Cile il grande poeta Pablo Neruda. Di famiglia modesta, trascorse l’infanzia nel malinconico e selvaggio sud del Cile, dove il padre era ferroviere. Il giovane Neruda dimostrò un interesse per la scrittura e la letteratura, avversato dal padre ma incoraggiato dalla futura vincitrice del Premio Nobel Gabriela Mistral, che fu sua insegnante durante il periodo di formazione scolastica.
Nel 1924 il suo “Viente poemas de amor y una canción desesperada” divenne un best-seller facendolo diventare uno dei più noti e giovani poeti latinoamericani.
(Di questa opera potrai ascoltare in fondo il Poema 20 recitato dallo stesso Neruda mentre scorrono immagini del poeta)
Dal 1926 al 1943 girò il mondo come rappresentante diplomatico del suo paese, nel ’36-37 visse l’esperienza della guerra civile spagnola. Prese subito posizione a favore della Repubblica aggredita; fu scosso dalla tremenda fucilazione di García Lorca (in fondo sono citati alcuni brevi versi di Lorca su Neruda) e con César Vallejo, un poeta peruviano, fondò il Gruppo ispano-americano d’aiuto alla Spagna.
La guerra civile determinò un mutamento profondo nell’animo, nelle convinzioni, nella cultura, nella poesia del poeta. La sua fu una vera e propria conversione al prossimo e la sua poesia divenne quella dell’uomo con gli uomini, cioè una poesia sociale e di lotta politica, di speranza e di rabbia.
Nel 1944, tornato in Cile, s’iscrisse al Partito Comunista cileno e venne eletto senatore. Dal 1948 al 1952 fu perseguitato e costretto all’esilio per la sua presa di posizione contro il neodittatore Gonzalez Videla; così tornò a viaggiare per il mondo.
Neruda proseguì nel suo impegno politico, prese ad esempio posizione contro gli Stati Uniti durante la crisi dei missili di Cuba e per la guerra del Vietnam. Ciò gli attirò gli strali delle parti più conservatrici degli USA, e l’ Associazione per la libertà della cultura, organizzazione dietro la quale in realtà si celava la CIA, cercò di minare in ogni modo la sua credibilità e la sua reputazione. Nel 1966 Neruda fu invitato a New York per una conferenza internazionale dell’associazione degli scrittori, ma Arthur Miller, organizzatore dell’evento, incontrò molte difficoltà e dovette fare notevoli pressioni sull’amministrazione Johnson per riuscire a fargli ottenere un visto.
Nel 1971 vinse il Premio Nobel per la Letteratura.
Prima di morire assistette al disfacimento del primo governo democratico cileno e al colpo di stato del generale Augusto Pinochet dell’11 settembre 1973 nonché alla morte del presidente Allende, suo amico personale. Insediatasi la dittatura, i militari cominciarono a vessarlo con le perquisizioni ordinate dal generale golpista. Mentre attendeva di poter espatriare in Messico, il poeta morì il 23 settembre 1973.

Preparatevi ad ascoltare un
autentico poeta [...]
Un poeta più vicino
alla morte che alla filosofia,
più vicino al dolore
che all’intelligenza più vicino al sangue
che all’inchiostro.

Federico García Lorca

Per leggere il testo di “Poema 20” in lingua originale e in italiano clicca qui
libro

 

Commenti (0) Trackback (0)

Spiacenti, il modulo dei commenti è chiuso per ora.

I trackback sono disattivati.