Iniziativa Laica I laici tendono a difendersi, e' ora di attaccare !

11mar/180

Iran, chi ha paura delle signore senza velo

Articolo di Tiziana Della Rocca (Fatto 11.3.18) “La condanna. Tre mesi di reclusione per “avere pubblicamente incoraggiato la corruzione morale”

“”È arrivata la notizia, non a caso a ridosso della festa della donna, dell’arresto della coraggiosa attivista anti hijab in Iran. La sua identità è nascosta, come se fosse un bene tenerla celata, eppure, come per una illuminazione, sembra proprio si tratti di Vida Movahed, la cui foto con il velo tra le mani, fece il giro del mondo e lo commosse, e spronò altre donne alla ribellione, a combattere la cupezza di certi uomini che le vorrebbero mute. Le triti ombre l’accusano di “avere pubblicamente incoraggiato la corruzione morale”, tre mesi e poi fuori, ma il feroce Abbas Jafari Dolatabi, il procuratore capo di Teheran, ha già detto che farà di tutto affinché la donna resti tutti i 24 mesi in carcere. E poi? Chissà. Si entra in certe prigioni, e le donne, una volta uscite, si sentono poi sotto osservazione costante, come se avessero dei guardiani che, godendo della loro spietatezza, le sorveglino giorno e notte.
Per capire da cosa sorge l’attuale protesta delle donne in Iran, occorre tornare al marzo del 1979 quando la rivoluzione iraniana non era ancora khomeinista e le donne chiamarono la femminista americana Kate Millet il 6 marzo del 1979 a festeggiare: trappole su trappole, proprio quel giorno Khomeini fece un discorso a Qom, invocando l’obbligo dell’hijab per tutte le donne. E nel giro di qualche giorno i pasdaran al grido di “roussari ya roussari” “velo sulla testa o botte in testa” attaccarono le manifestanti scese subito in piazza contro l’obbligo. Poi Khomeini introdusse la Sharia, quindi il divieto di abortire, la pena di morte per adulterio o blasfemia, le “spose bambine”… tutto quel che poteva nuocere alla libertà delle donne.
Oggi come ieri, le iraniane che protestano sanno benissimo quale sia il senso dell’imposizione del velo da parte degli ayatollah: umiliarle, tutto il resto è fasullo, poca cosa.
Proprio perché gli islamisti, in un modo o nell’altro le temono, devono sottometterle, e una volta riusciti a farlo, le costringono a girare vestite in quel modo, e non paghi dicono pure che è per il loro bene. È questo un altro lurido imbroglio, il modo con cui cercano di legittimare, e spesso ci riescono, il loro sadismo imposto sulle donne, con la forza e con il ricatto.
La derisione con cui Ali Khamenei considera il movimento occidentale #Metoo è sì sadica ma rivela anche il suo terrore e la fragilità della sua ideologia, come se potesse miseramente crollare sotto i colpi della protesta femminile. Khamenei dice che grazie al movimento #Metoo si è scoperto che in Occidente un numero notevole di donne ha subito stupri e abusi mentre in Iran grazie al velo queste cose non succedono! E ha aggiunto “il velo è immunità, protezione non costrizione” e poi “nella logica islamica il ruolo della donna è inserito in una cornice precisa. Una donna islamica è colei che è guidata dalla fede e dalla castità. Mentre oggi c’è un quadro deviante, un modello di donna che è offerto dall’Occidente”. Le parole di costui, che cercano di relegare in un morto quadretto le signore donne, è osceno, un invito allo stupro, dove sguazzare felici. Si può essere stupratori anche senza stuprare le donne, basta averne la voglia, o il disprezzo, o l’intenzione, e dire: “Care donne io vi copro così agli uomini passa la voglia di stuprarvi”. È questo in realtà il suo vero pensiero.
E questi sarebbero i grandi teologi, maestri e interpreti del Corano? Uomini che si credono potenti quando pensano di marchiare per sempre le povere ragazze? Eppure nel corpo e nella mente delle ragazze così violate qualcosa sempre resta, qualcosa di forte, di degno, di divino. Come in antichi tempi, le donne resistono al martirio, per quanto umiliate mai lo saranno. Il marchio se
mmai è altrove, resta nel corpo e nella nera testa di coloro che le violano.”"

Commenti (0) Trackback (0)

Ancora nessun commento.


Leave a comment

Ancora nessun trackback.