Iniziativa Laica I laici tendono a difendersi, e' ora di attaccare !

22set/18Off

Spike Lee: “Per generazioni noi neri siamo stati cancellati”

Articolo di E. Sant. (Stampa 22.9.18)

“”L’inaugurazione della mostra di Theaster Gates ha aperto alla Fondazione Prada una serie di eventi sul tema dell’immagine e dell’identità afroamericana: ieri sera è toccato a un dibattito affollatissimo con l’artista, Spike Lee e la regista Dee Rees (nera, lesbica militante, allieva di Spike alla New York University), moderatore di lusso il curatore nigeriano Okwui Enwezor, già al vertice di Biennale Arte 2015 e di Documenta. In sala anche Miuccia Prada, Sofia Coppola, Germano Celant e il direttore della Mostra di Venezia Alberto Barbera.
Lee, che ha in uscita in Italia il nuovo film BlacKkKlansman sul poliziotto nero che riuscì a infiltrarsi nel KKK, ha spiegato come parlare di identità nera significhi «guardare alla storia: alle origini degli Stati Uniti c’è il genocidio dei nativi e la sottomissione in schiavitù dei deportati dall’Africa. Per nascondere questa verità era necessario che ci fosse negata ogni qualità umana. Per generazioni siamo stati cancellati, quand’ero bambino non c’erano neri raffigurati né nei libri di scuola né sui bigliettini per gli auguri di compleanno, e se penso a come quel figlio di… di vignettista australiano ha raffigurato di recente Serena Williams devo pensare che le cose non sono poi molto cambiate».
Ricordando i suoi inizi, e il valore profetico dei suoi primi film, a Enwezor che gli chiedeva se si sentisse più bravo o più fortunato, ha risposto: «La fortuna non ti bacia se non lavori come un matto, è vero che in Fa’ la cosa giusta si parla non solo di rivolte razziali ma anche di riscaldamento globale e di gentrification, eppure erano fenomeni tutti lì da vedere, la mia è stata la prima famiglia nera ad andare ad abitare in un quartiere italoamericano di Brooklyn, bastava guardarsi intorno per capire che cosa stava covando». E ancora, sul suo primo film, Lola Darling: «Il personaggio principale femminile piacque a tutti, ma pensate: quell’anno era l’unica figura nera rappresentata. Ci è sempre stata negata la molteplicità, la varietà»””

Commenti (0) Trackback (0)

Spiacenti, il modulo dei commenti è chiuso per ora.

I trackback sono disattivati.