Iniziativa Laica I laici tendono a difendersi, e' ora di attaccare !

6nov/180

Accadde oggi: Abraham Lincoln eletto Presidente

6 novembre

1860 – Abraham Lincoln è eletto come sedicesimo Presidente degli Stati Uniti; è il primo esponente del Partito Repubblicano ad assumere tale carica.
Sarà il principale artefice della vittoria degli unionisti nella guerra di secessione americana e dell’abolizione della schiavitù.
Morirà, all’inizio del suo secondo mandato, il 15 aprile 1965, assassinato in un teatro da un fanatico simpatizzante sudista. (In fondo potrai ascoltare il famoso Discorso di Gettysburg di Lincoln, letto dal cantante Johnny Cash, mentre scorrono immagini della guerra civile)
lincoln7Fu il presidente che pose fine alla schiavitù, prima con la Proclamazione dell’Emancipazione (1863), che liberò gli schiavi negli Stati dell’Unione, e poi con la ratifica del Tredicesimo Emendamento della Costituzione Americana, con il quale nel 1865 la schiavitù venne abolita in tutti gli Stati Uniti. A Lincoln è riconosciuto il merito di aver allo stesso tempo preservato l’unità federale della nazione, sconfiggendo gli Stati Confederati d’America (favorevoli al mantenimento della schiavitù) nella Guerra di secessione americana.
La guerra fu una fonte di costante frustrazione per il presidente, e occupò quasi tutto il suo tempo. Dopo ripetute delusioni da parte del Generale George McClellan e di una fila di altri comandanti generali di scarso successo, Lincoln si affidò alla fiduciosa decisione di nominare un comandante dell’esercito radicale e in qualche modo scandaloso: il generale Ulysses S. Grant. Grant avrebbe applicato il suo sapere militare e il suo talento nella conduzione degli uomini, per arrivare alla fine della guerra.
Quando Richmond, la capitale confederata, venne infine catturata, Lincoln vi si recò per compiere un gesto pubblico, sedendosi alla scrivania di Jefferson Davis, dicendo in maniera simbolica alla nazione che il Presidente degli Stati Uniti aveva autorità su tutto il territorio. Venne accolto in città come un eroe conquistatore dagli schiavi liberati, i cui sentimenti vennero riassunti dalla frase di un ammiratore: “So che sono libero perché ho visto il volto di Padre Abramo e l’ho sentito“.
Nel 1864, Lincoln fu il primo e unico presidente ad affrontare un’elezione presidenziale durante la guerra. La durata della guerra e la questione dell’emancipazione apparvero ostacolare gravemente le sue prospettive e una sconfitta elettorale nei confronti del candidato democratico George McClellan appariva probabile. Comunque, una serie di tempestive vittorie dell’Unione, poco prima del giorno delle elezioni, cambiarono la situazione in modo sostanziale e Lincoln venne rieletto.
Durante la guerra di secessione, Lincoln ebbe poteri che nessun presidente precedente aveva detenuto; sospese il precetto dell’habeas corpus e imprigionò di frequente le spie e i simpatizzanti sudisti senza processo; d’altra parte, spesso annullò le esecuzioni.
640px-The_Assassination_of_President_Lincoln_-_Currier_and_Ives_2Il 14 aprile 1865 (Venerdì Santo), Lincoln accompagnato dalla moglie e senza guardia del corpo, si recò in un teatro di Washington, dove era in programmazione una commedia musicale. Nell’istante in cui prese posto nel palco presidenziale, John Wilkes Booth, un attore della Virginia simpatizzante sudista, entrò nel palco e sparò un colpo di pistola calibro 44 alla testa del Presidente, gridando “Sic semper tyrannis!” (“Così sempre per i tiranni!” – motto dello Stato della Virginia e frase storicamente pronunciata da Bruto nell’uccidere Cesare), saltando successivamente giù dal palco e rompendosi una gamba. Booth si trascinò al proprio cavallo e riusci a fuggire, mentre il Presidente colpito a morte fu portato in una casa dall’altro lato della strada, dove giacque in coma per alcune ore prima di spirare. Booth fu poi scoperto nascosto in un granaio e venne ucciso.

L’operato di Lincoln ha avuto una duratura influenza sulle istituzioni politiche e sociali degli Stati Uniti, dando inizio a un maggiore accentramento del potere del governo federale e ponendo un limite al raggio d’autonomia dei governi dei singoli Stati. L’autorevolezza di Lincoln è stata rafforzata dalla sua abilità di oratore, e il Discorso di Gettysburg, il più significativo e famoso da lui pronunciato, è considerato una delle pietre miliari dell’unità e dei valori della nazione americana.
Questa è la traduzione italiana del discorso riconosciuta dalla Biblioteca del Congresso di Washington:
« Or sono diciassette lustri e due anni che i nostri avi costruirono, su questo continente, una nuova nazione, concepita nella Libertà, e votata al principio che tutti gli uomini sono creati uguali. Adesso noi siamo impegnati in una grande guerra civile, la quale proverà se quella nazione, o ogni altra nazione così concepita e così votata, possa a lungo perdurare.
Noi ci siamo raccolti su di un gran campo di battaglia di quella guerra. Noi siamo venuti a destinare una parte di quel campo a luogo di ultimo riposo per coloro che qui diedero la vita, perché quella nazione potesse vivere. È del tutto giusto e appropriato che noi compiamo quest’atto. Ma, in un senso più vasto, noi non possiamo inaugurare, non possiamo consacrare, non possiamo santificare questo suolo.
I coraggiosi uomini, vivi e morti, che qui combatterono, lo hanno consacrato al di là del nostro piccolo potere di aggiungere o detrarre. Il mondo noterà appena, né a lungo ricorderà ciò che qui diciamo, ma mai potrà dimenticare ciò ch’essi qui fecero. Sta a noi viventi, piuttosto, il votarci qui al lavoro incompiuto, finora così nobilmente portato avanti da coloro che qui combatterono.
Sta piuttosto a noi il votarci qui al gran compito che ci è di fronte: che da questi morti onorati ci venga un’accresciuta devozione a quella causa per la quale essi diedero, della devozione, l’ultima piena misura; che noi qui solennemente si prometta che questi morti non sono morti invano; che questa nazione, guidata da Dio, abbia una rinascita di libertà; e che l’idea di un governo di popolo, dal popolo, per il popolo, non abbia a perire dalla terra. »

 

Commenti (0) Trackback (0)

Ancora nessun commento.


Leave a comment

Ancora nessun trackback.